A volte bisogna forzarsi

Capita anche a voi di dovervi forzare a fare le cose?
A me si. Sono estremamente introversa, se posso rifuggo da tutte quelle occasioni in cui - in un modo o nell'altro - sono al centro dell'attenzione. Così facendo però perdo molto. Perdo soprattutto la possibilità di conoscere le persone, di interagire e di crescere attraverso gli incontri che la vita ti propone.

Questo è il racconto di uno di quei giorni in cui ce l'ho fatta a forzare me stessa.
Anche se onestamente si trattava di una piccolissima cosa.
Domenica scorsa ho partecipato con un piccolo banchetto a un mercato di quartiere.
I motivi per dire di no erano tanti:
- la domenica è l'unico giorno in cui posso riposarmi un po'
- il rapporto diretto con i clienti è la parte della mia attività artigianale che mi mette meno a mio agio
- non sono attrezzata per un mercatino
- e se poi quel che faccio non piace e torno a casa delusa?

Come in tante cose della mia vita negli ultimi 8 anni è mezzo, è stato mio figlio a spronarmi. Come tutti i bambini l'idea di fare un mercatino lo esaltava e così, lui con i suoi magneti realizzati con i lego, io con collane e orecchini in tema, ci siamo proposti.
Insieme abbiamo costruito un espositore per collane semplicemente ridando vita e colore a una cassetta della frutta abbandonata ai cassonetti.


Abbiamo scelto un bel telo turchese per coprire il tavolino che avevamo in soffitta e siamo andati.


Abbiamo scoperto (o forse dovrei dire riscoperto) un quartiere semplice, popolato da persone che non hanno perso la voglia di stare insieme.

Abbiamo ricevuto complimenti e sorrisi.


Ogni tanto forzarsi a fare qualcosa fa davvero bene all'umore!


2 commenti:

  1. S'inizia dalle piccole cose. Anche io ho mi freno spesso ma il fatto di dedicarmi a qualcosa che mi appassiona mi aiuta a fare quel passo in più. Bello che tu divida la tua avventura con il tuo bimbo! Un bacione, Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona. In questo sai un figlio aiuta molto, costringendoti ad uscire di continuo dalla cosiddetta "Confort zone". Un abbraccio

      Elimina